Lettera dell’Associazione Giapponese per l’Ingegneria Sismica

La lettura attenta delle lettere di supporto della comunità scientifica internazionale fa vedere che gli istituti di ricerca e le Associazioni scientifiche e professionali estere hanno effettuato un’analisi approfondita di quanto è accaduto, e non si sono fermati, come qualcuno ha scritto, al fatto che gli scienziati sono stati condannati per non aver previsto il terremoto.

Tra le tante arrivate in questi giorni (disponibili qui), oggi ne abbiamo ricevuta una dall’Associazione Giapponese per l’Ingegneria Sismica (Japan Association for Earthquake Engineering) firmata dal Presidente Kazuhiko Kawashima.

Japan Association for Earthquake Engineering

Come si legge dalla lettera (traduzione in italiano), gli ingegneri giapponesi giudicano il verdetto non appropriato per tre ragioni: 1) gli scienziati erano stati chiamati per fornire le informazioni scientifiche, e lo hanno fatto; 2) hanno supportato gli organi preposti alle decisioni in una situazione difficile di inerente incertezza; 3) la diffusione delle informazioni ai media non è stata fatta dagli scienziati, né doveva esserlo. La JAEE conclude sostenendo che la riduzione del rischio in una zona vulnerabile come l’Aquila deve essere fatta con uno sforzo costante e a lungo termine sugli edifici, e non con la previsione a breve termine.

Posted on November 14, 2012, in Solidarietà. Bookmark the permalink. Comments Off on Lettera dell’Associazione Giapponese per l’Ingegneria Sismica.

Comments are closed.

%d bloggers like this: