Blog Archives

Presa Diretta del 20 gennaio – La nostra risposta a Riccardo Iacona

Cattura

Il 25 gennaio scorso Riccardo Iacona ha risposto dalla pagina Facebook di Presa Diretta alla nostra lettera del 22 gennaio. Ecco la nostra risposta.

Gentile dott. Iacona,

la ringraziamo per la sua attenzione e per l’opportunità che ci dà di esprimere le nostre valutazioni sulle motivazioni della condanna al processo aquilano nella pagina Facebook di Presa Diretta.

Non abbiamo la presunzione di rappresentare il nostro Ente nella sua totalità, ma non siamo certo gli unici a pensarla in questo modo. Abbiamo voluto esprimere le nostre considerazioni in quanto ricercatori dell’INGV (alcuni con incarichi dirigenziali) che stanno approfondendo le questioni legate al processo anche per evitare che in futuro si possano ripetere quelle circostanze.

Nel processo di L’Aquila ci sentiamo condannati perché il nostro collega Giulio Selvaggi ha portato ed esposto alla riunione del 31 marzo 2009 una relazione che illustrava il nostro lavoro, e per questo ora è condannato a sei anni di carcere. A nostro giudizio quella relazione non era affatto rassicurante e non lo era certo la Mappa di Pericolosità mostrata e discussa alla riunione. La Mappa, che è legge dello Stato, è già una sintesi di tutte le informazioni disponibili sull’elevata pericolosità dell’area e quindi comprende anche i risultati descritti da alcuni esperti da voi intervistati.

Seismic hazard map of central Italy shown and discussed during the meeting

Mappa della pericolosità sismica dell’Italia centrale mostrata e discussa durante la riunione del 31 marzo 2009.

Nella lettera inviata dopo la puntata di Presa Diretta del 20 gennaio scorso, che era stata preceduta da varie nostre comunicazioni prima della trasmissione, avevamo voluto sottolineare che gli aspetti scientifici della vicenda aquilana non erano stati affrontati con la necessaria completezza. La presenza in trasmissione di esperti che presentavano visioni scientifiche diverse avrebbe sicuramente fornito un quadro più obiettivo. Non era certo nostra intenzione screditare nessun collega. Senza scomodare la Nuova Zelanda, il nostro Istituto ha molti statistici e vulcanologi nelle sue file e, come lei giustamente afferma, collabora con moltissimi Istituti e Università, compresi quelli dei ricercatori intervistati. Abbiamo però rilevato che alcune affermazioni non erano corrette (“tutti i grandi terremoti sono preceduti da sciami”) o erano fuorvianti se estrapolate dal contesto. Sappiamo che dalla scelta delle cose che si mostrano può dipendere il giudizio di uno spettatore.

Da parte nostra discuteremo i temi trattati nella puntata presentando tutti i dati scientifici relativi alle sequenze sismiche del passato, all’uso della statistica nello studio dei terremoti, ai metodi di valutazione della pericolosità a breve e lungo termine. Lo faremo nello spazio dedicato dall’INGV al processo di L’Aquila (https://processoaquila.wordpress.com/), dove già oggi trova una lettera aperta che riporta alcune nostre considerazioni.

Rinnoviamo a lei e ai suoi collaboratori l’invito a visitare l’INGV.

Cordiali saluti,

Alessandro Amato, Massimo Cocco, Giovanna Cultrera, Fabrizio Galadini, Lucia Margheriti, Concetta Nostro, Daniela Pantosti, sismologi dell’INGV.

Advertisements

Presa Diretta del 20 gennaio – Cosa abbiamo da dire

1355927311149presadiretta_logo-sQuesta la lettera inviata ieri a Riccardo Iacona in risposta alla trasmissione Irresponsabili – Presa Diretta del 20 gennaio su Rai3.

Gentile dott. Iacona,

abbiamo seguito con attenzione la puntata di ieri sul processo ai sette partecipanti alla riunione della CGR del 31 marzo 2009.

Ci spiace constatare che la ricostruzione proposta non è stata obiettiva ed è lesiva della nostra immagine di ricercatori al servizio della società. Gli esperti intervistati sono principalmente testimoni dell’accusa e hanno dimostrato una visione preconcetta e basata su giudizi formulati solo a posteriori, oltre ad aver detto delle cose scientificamente non vere.

Dire che i forti terremoti sono sempre preceduti da sciami è falso (il vulcanologo Stoppa). Nessuno dei maggiori terremoti italiani del ‘900 è stato preceduto da uno sciame. Del resto, interpellare a questo proposito un vulcanologo è una scelta poco appropriata all’importanza del tema.

Far credere che un modello di pericolosità a 10 o 50 anni, valido su aree di centinaia di chilometri (quello della dottoressa Rotondi del CNR), sia utilizzabile localmente per azioni pratiche di riduzione dell’esposizione è sbagliato e pericoloso. Peraltro non è nemmeno vero che i risultati di questi studi e di altri simili siano nascosti chissà dove, dal momento che una ricerca su internet o una telefonata vi avrebbe permesso di trovarli, oggi come anni fa, sul nostro sito web e negli archivi della Protezione civile a cui vengono sempre consegnati.

Si potrebbe andare avanti con le affermazioni di Del Pinto, che ha parlato impropriamente di “crescita della magnitudo”. E così via.

Queste argomentazioni scientifiche forse interessano poco a chi è tenuto, come voi, a rispettare la cronaca. Ma non possiamo non notare che tra i tanti esperti italiani di terremoti, non coinvolti nel processo e di chiara fama internazionale, avete scelto un vulcanologo, una statistica e un funzionario della Protezione civile molisana.

Inoltre, durante il processo vengono fatte affermazioni pericolose e fuorvianti, che voi avete giustamente riportato senza però sottolinearne la gravità: dire che il problema dei terremoti in Italia non sono le case che crollano e che la riduzione della vulnerabilità degli edifici è inutile (lo si legge nelle motivazioni) è fuorviante e, questo sì, profondamente irresponsabile. Come non ci stanchiamo di ripetere da sempre, e come confermano i colleghi giapponesi e americani e qualunque altro esperto in materia abbiate voglia di sentire, è proprio la prevenzione sugli edifici lo strumento principale di riduzione del rischio simico.

Infine, respingiamo con fermezza le accuse di essere “servi del potere”. Servitori dello Stato, sì. Servi del potere, no. Soprattutto respingiamo con forza la definizione di “braccio armato della Protezione Civile“, nel senso negativo del termine come lascia intendere la trasmissione. Chiediamo la rettifica di questa affermazione.

L’INGV è un Istituto di ricerca che in base alla Legge (la 225 del 1992 e il DLgs 381/1999) è “componente del servizio nazionale della protezione civile” e opera “in regime di convenzione con il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile“. Di questo delicato compito siamo responsabilmente consapevoli e fieri. In questo ambito operiamo da sempre per migliorare le conoscenze sui terremoti e sul nostro territorio e per sensibilizzare la popolazione. I dati prodotti dalle nostre reti di monitoraggio e i risultati dei progetti che abbiamo portato avanti in tanti anni sono sempre stati resi pubblici. E sono da sempre a disposizione di chi ha il compito di fare scelte politiche e di far rispettare le norme antisismiche.

Ci teniamo ancora una volta a precisare che i sismologi presenti alla riunione della CGR hanno fatto il loro dovere presentando tutti i dati disponibili, e che una chiara distinzione dei ruoli sarebbe necessaria: Giulio Selvaggi non solo non faceva parte della CGR, non era mai stato convocato alla riunione, non ha partecipato alla conferenza stampa (come del resto Boschi), non ha firmato il verbale. Una sentenza che lo accomuna a chi aveva un chiaro ruolo politico è a nostro parere di cittadini una sentenza ingiusta e preoccupante.

Cordiali saluti,

Alessandro Amato, Massimo Cocco, Giovanna Cultrera, Fabrizio Galadini, Lucia Margheriti, Concetta Nostro, Daniela Pantosti, sismologi dell’INGV.

%d bloggers like this: